I genitori hanno l'obbligo di mantenere i figli? Se si quando e come?

Quella del mantenimento dei figli è una questione complessa, che può essere foriera di fraintendimenti e tensioni oltre che di problemi di carattere giudiziale che possono arrivare a costare tempo, stress e denaro. Se i dubbi non esistono in caso di figli minorenni nati all’interno del matrimonio ed in costanza di questo (o comunque di figli riconosciuti), infatti in questo caso il mantenimento dei figli è espressamente previsto dall’articolo 147 del codice civile, le questioni tendono a porsi in due casi: che cosa succede in caso di divorzio? Che cosa succede quando i figli sono maggiorenni?

Nel primo caso, vale a dire quello del divorzio, la questione del mantenimento dei figli è scollegata dal mantenimento della moglie. Se infatti il mantenimento dell’ex coniuge non è sempre dovuto, la legge prevede, comunque, l’obbligo di mantenimento nei confronti dei figli. Proprio per questo motivo, in linea di massima è previsto un assegno di mantenimento che tenga conto nell’importo non solo di quelle che sono le necessità del figlio ma anche di quello che era il suo tenore di vita  quando conviveva con entrambi i genitori, oltre ad una serie di parametri dati dalla nuova situazione. Detto ciò, possiamo spostarci sulla seconda questione in quanto l’obbligo di mantenimento sussiste anche oltre la maggiore età del figlio, e fino a che non sia economicamente autosufficiente ovvero non abbia raggiunto l’autonomia per sua colpa..

Non basta, quindi, che il figlio che riceve l’assegno compia 18 anni per far venire meno l’obbligo di mantenimento ma sono condizioni determinanti l’autosufficienza economica oppure il fatto che  l’assenza di indipendenza economica sia a lui imputabile. In mancanza di queste circostanze permane l’obbligo di mantenimento anche nei confronti del figlio maggiorenne.

Se le questioni, prese separatamente, presentano delle specificità e delle notevoli complessità, il tutto può essere reso ancora più complicato nel caso in cui entrambe le questioni si presentino contemporaneamente, vale a dire il caso in cui il figlio sia ormai maggiorenne ed i genitori siano divorziati. Si capisce quindi come sia di primaria importanza, dovendo affrontare questo percorso, farsi accompagnare da un avvocato divorzista di primo livello.

Affidarsi ad un professionista dalle elevate qualità sia tecniche giuridiche che umane è garanzia di vedere rappresentati al meglio i propri interessi e di conseguenza di poter superare un momento così complesso nel migliore dei modi possibili.

Contattaci

Avv. Sabrina D'Ascenzo

Per maggiori informazioni compila questo modulo, ti contatteremo prima possibile

Accertarsi di inserire una email corretta altrimenti sarà per noi impossibile rispondere

Tel. 340 986 4432

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dal Lunedi al Venerdi
9:00 - 19:00

Dal Lunedi al Venerdi
9:00 - 19:00

Viale Giulio Cesare 62
00192 Roma zona Prati (RM)

Avvocato Sabrina D'Ascenzo - P.Iva: 11684851006 - Viale Giulio Cesare 62 - 00192 Roma zona Prati (RM)
Tel. +39 063701377 - Cell. 340 986 4432 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -