Adozione di maggiorenni a Roma zona Prati

Mi chiamo Sabrina D'Ascenzo, sono un avvocato del Foro di Roma e mi occupo di tutela legale per la famiglia, in particolare di tutto ciò che riguarda le adozioni. Assisto le persone nelle cause di adozioni di maggiorenni, internazionali o nazionali ma anche quelle speciali. Offro consulenza e assistenza legale in materia di diritti e doveri dei figli minorenni e maggiorenni.

Avvocato per adozioni di maggiorenni a Roma, con studio in zona Prati. Sono a disposizione per chiarimenti e assistenza.

Avvocato per Adozione di maggiorenni a Roma zona Prati: consulenza legale con l'avvocato Sabrina D'Ascenzo

La legislazione italiana ammette l'adozione di maggiorenni. Questo strumento è volto essenzialmente a tutelare gli interessi dell'adottante che presenta il desiderio di trasferire il proprio nome e il proprio patrimonio.

A differenza dell'adozione dei minori, nelle adozioni di maggiorenni si hanno obiettivi diversi. In particolar modo l'adottante ha interesse a che il suo patrimonio e il suo nome non vadano dispersi dopo la morte.

Oltre a questo, l'adozione di un maggiorenne può essere posta in essere quando l'adottato si trova in una situazione di bisogno e ha quindi bisogno di un'assistenza duratura o, comunque, per fini solidaristici.

Per adottare un maggiorenne l'adottante deve presentare domanda presso il Tribunale ove ha la residenza.

Il Tribunale deve raccogliere il consenso dell’adottante e dell’adottando e l’assenso dei genitori dell’adottando, del coniuge dell’adottante e dell’adottando e degli eventuali figli maggiorenni dell’adottante.  

Dovrà, poi, verificare che esistano i presupposti perché l'adozione sia valida e se la stessa porta dei benefici all'adottando ovvero sia per lui conveniente, soprattutto sul piano morale.

Nel caso si tratti di una pratica di adozione speciale, i parametri da prendere in considerazione saranno differenti.

La sentenza favorevole comporta degli effetti prevalentemente a carico dell'adottato che assume il cognome dell'adottante - pur mantenendo il proprio - e i diritti successori nei suoi confronti.

L'adottato, tuttavia, continua a conservare diritti e doveri nei confronti della famiglia di origine e non acquisisce alcun tipo di rapporto civile con i membri della famiglia dell'adottante.

L'adottante, invece, non acquisisce nessun tipo di diritto nei confronti del patrimonio dell'adottato e nessun tipo di rapporto con la sua famiglia di origine.

Gli effetti dell'adozione si realizzano dal giorno in cui viene emesso provvedimento di adozione.

Quali sono i requisiti?

Per poter adottare un soggetto maggiorenne occorre che vengano rispettati alcuni requisiti.

In particolar modo la legge prevede una soglia di età entro la quale è possibile esercitare questo strumento: l'adottante deve avere un'età superiore ai 35 anni e una differenza di almeno 18 anni con l'adottando che, come detto prima, deve dare il suo consenso.

Inoltre non deve avere figli minori.

In base a quanto stabilito dalla legge e a differenza dell'adozione di minore, nell'adozione di maggiorenni a Roma l'adottante non deve essere necessariamente coniugato.

È infatti ammessa l'adozione sia a persona singola che sposata e, nel caso di matrimonio, l'atro coniuge non ha l'obbligo di adottare a sua volta ma deve comunque dare parere favorevole.

I genitori biologici dell'adottando intervengono anch’essi nell'adozione poiché devono dare il loro assenso, unito a quello del coniuge dell’adottante e dell’adottando e  degli eventuali  figli maggiorenni dell'adottante.

A questi requisiti sono comunque previste delle deroghe da parte del legislatore in quanto il giudice può dare parere favorevole all'adozione anche se l'adottante non ha ancora compiuto 35 anni - deve comunque averne almeno 30 -, ma rimane valida la regola dei 18 anni di differenza tra adottando e adottante.

La seconda deroga riguarda l’assenso del coniuge dell’adottante o dell’adottando, del genitore dell’adottando o del figlio maggiorenne dell’adottante.

In caso di parere contrario di questi, infatti, il tribunale può comunque, a determinate condizioni, pronunciare l’adozione se il rifiuto non ha una sua ragionevolezza o c’è impossibilità di acquisire l’assenso.

L'adozione può essere revocata?

L'adozione di maggiorenni può essere revocata ma solo in casi specifici espressamente previsti dalla legge che sono legati al concetto di indegnità di una delle due parti.

In particolare la revoca dell'adozione di maggiorenne avviene per indegnità dell'adottato o indegnità dell'adottante.

Il primo caso si realizza su richiesta dell'adottante in caso di colpevolezza dell'adottato di un delitto commesso in danno dell’adottante, del suo coniuge, discendenti o ascendenti e punibile con una pena restrittiva della libertà personale non inferiore ai tre anni.

L'indegnità dell'adottato si realizza anche quando quest'ultimo abbia attentato alla vita dell'adottante, del suo coniuge e di suoi discendenti o ascendenti.

La revoca dell'adozione di maggiorenne per indegnità dell'adottante si realizza allo stesso modo quando l'adottante abbia commesso atti contro la vita dell'adottato o di suoi parenti ovvero abbia commesso nei loro confronti un delitto punibile con una pena restrittiva della libertà personale non inferiore ai tre anni.

In questo caso la domanda al tribunale di competenza viene presentata dall'adottato.

Gli effetti della revoca si producono dal passaggio in giudicato della relativa sentenza ma se questa è pronunciata, per fatto imputabile adottato, dopo la morte dell’adottante, l’adottato e i suoi discendenti sono esclusi dalla successione dell’adottante.

Ha bisogno di un avvocato affidabile e professionale?

Ha bisogno di un avvocato affidabile e professionale?

L'avvocato Sabrina D'Ascenzo offre consulenza legale senza nessun impegno nell'ambito dei divorzi, delle separazioni, degli affidamenti, dei mantenimenti e nelle adozioni.

Non perdere altro tempo, contattaci subito!

Contattaci 063701377
 

CONSULENZA

Vuoi chiedere maggiori info?

Potrebbe interessarti anche

Eventi e convegni a cui ha partecipato l'avvocato Sabrina D'Ascenzo

Scuola di alta formazione specialistica avvocati in diritto delle persone, delle relazioni familiari e dei minorenni di Cammino in collaborazione con Scuola Superiore dell’Avvocatura - Fondazione del Consiglio Nazionale Forense e i Dipartimenti di Giurisprudenza delle Università di Roma Tre, Cassino - Lazio Meridionale.

Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 03
Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 02
Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 01

 

Contattaci

Se vuoi maggiori informazioni, compila questo modulo. Ti ricontatteremo quanto prima possibile.

Avv. Sabrina D'Ascenzo

Tel. +39 063701377
info@avvocatodirittofamigliaroma.it

Dal Lunedi al Venerdi

9:00 - 19:00

Viale Giulio Cesare 62

00192 Roma zona Prati (RM)

Avvocato Sabrina D'Ascenzo - P.Iva: 11684851006 - Viale Giulio Cesare 62 - 00192 Roma zona Prati (RM)
Tel. +39 063701377 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -