Mantenimento

Mi chiamo Sabrina D'Ascenzo, sono un avvocato del Foro di Roma e mi occupo di tutela legale per la famiglia, in particolare di tutto ciò che riguarda il mantenimento a Roma. Assisto le persone nelle cause di mantenimento  dei figli, dei genitori o dei nipoti e anche nel caso di controversie relative mantenimento della moglie o del coniuge in generale. Offro consulenza e assistenza legale in materia di diritti e doveri dei figli minorenni e maggiorenni.

Avvocato per mantenimento a Roma, con studio in zona Prati. Sono a disposizione per chiarimenti e assistenza.

Avvocato per Mantenimento a Roma zona Prati: consulenza legale con l'avvocato Sabrina D'Ascenzo

Per assegno di mantenimento si intende una somma di denaro che, in caso di separazione, il coniuge economicamente più forte deve versare all'altro.

L'ammontare della cifra e la sua periodicità possono essere decisi dal giudice o concordate direttamente dai coniugi, in caso di separazione consensuale, e possono essere modificate nel tempo, se cambia il rapporto fra la situazione economica dei due separati.

Il mantenimento può essere una somma di denaro fissa concordata oppure riguardare una precisa voce spesa.

Ad esempio uno dei due coniugi può impegnarsi a continuare a versare il mutuo della casa cointestata oppure pagare l'affitto dell'altro. Il mantenimento può riguardare sia il coniuge economicamente più svantaggiato sia gli eventuali figli della coppia.

Nonostante il provvedimento sia tradizionalmente chiamato assegno di mantenimento, la cifra può essere versata anche in diversi altri modi, ad esempio tramite bonifico bancario, in base a quando deciso liberamente dai coniugi o quanto stabilito dal giudice.

Assegno di mantenimento per la moglie

Statisticamente il coniuge maschio ha un reddito maggiore della moglie, per cui in caso di separazione nella maggior parte dei casi sarà il marito a dover corrispondere il mantenimento alla moglie, che si trova in una situazione svantaggiata.

L'ammontare dell'assegno di mantenimento per la moglie viene deciso dai coniugi di comune accordo, oppure stabilito dal giudice.

Quest'ultimo terrà conto delle esigenze economiche della donna, del tenore di vita della coppia prima della separazione e del reddito di entrambi, oltre che delle eventuali spese che i coniugi continueranno a sostenere per la coppia.

Gli eventuali figli della coppia avranno invece diritto ad un provvedimento a parte.

Assegno di mantenimento per il coniuge

La legge non prevede un assegno di mantenimento specifico per la moglie, ma parla di mantenimento del coniuge senza specificarne il sesso. In caso il marito sia una situazione economica, a seguito della separazione, più precaria della moglie, sarà quest'ultima a dovergli corrispondere l'assegno o contribuire alle sue spese.

Le condizioni relative all'importo della cifra da versare non cambiano in caso sia il marito a dover pagare il mantenimento alla moglie o viceversa.

Se uno dei due coniugi venga riconosciuto dal giudice come responsabile della separazione, ad esempio in caso di tradimento del coniuge, l'obbligo di versamento del mantenimento decade. In questo caso, se il coniuge svantaggiato è anche il responsabile della separazione, il giudice può stabilire il pagamento a suo favore dei soli alimenti.

Si tratta di un provvedimento diverso e di importo inferiore, dove il coniuge economicamente più stabile è tenuto a corrispondere all'altro solo il minimo indispensabile per il suo sostentamento. Anche in questo caso la cifra esatta viene stabilita dal giudice.

Assegno di mantenimento a favore dei figli

Quando una coppia con figli si separa, questi vengono solitamente affidati ad entrambi i genitori ma collocati presso uno dei due coniugi, salvo il diritto di visita per il genitore non collocatario.

Ciò non significa quest’ultimo cessi di avere l'obbligo di mantenere il proprio figlio e dovrà corrispondere all’altro un assegno di mantenimento per i figli, da utilizzare per le esigenze di questi ultimi.

Anche l'ammontare di questo assegno di mantenimento può essere liberamente stabilito dai coniugi in fase di separazione o, in caso di mancato accordo, può essere deciso dal giudice.

Quest'ultimo terrà conto sia del reddito di entrambi i genitori, e delle loro disponibilità economiche, ma anche dei compiti assunti da ognuno dei due genitori per l'educazione e la crescita.

Il giudice può stabilire un assegno di mantenimento anche nel caso in cui il figlio sia maggiorenne, qualora non sia economicamente indipendente.

Anche l'ammontare dell'assegno di mantenimento dei figli, come quello per i coniugi, deve essere rivisto periodicamente e può essere modificato in base alla variazione della situazione economica e delle esigenze dei membri della famiglia.

Scegliere un buon avvocato matrimonialista è sicuramente un fattore importante, per riuscire a gestire nel migliore dei modi questa serie di pratiche.

Ha bisogno di un avvocato affidabile e professionale?

Ha bisogno di un avvocato affidabile e professionale?

L'avvocato Sabrina D'Ascenzo offre consulenza legale senza nessun impegno nell'ambito dei divorzi, delle separazioni, degli affidamenti, dei mantenimenti e nelle adozioni.

Non perdere altro tempo, contattaci subito!

Contattaci 063701377
 

CONSULENZA

Vuoi chiedere maggiori info?

Potrebbe interessarti anche

Eventi e convegni a cui ha partecipato l'avvocato Sabrina D'Ascenzo

Scuola di alta formazione specialistica avvocati in diritto delle persone, delle relazioni familiari e dei minorenni di Cammino in collaborazione con Scuola Superiore dell’Avvocatura - Fondazione del Consiglio Nazionale Forense e i Dipartimenti di Giurisprudenza delle Università di Roma Tre, Cassino - Lazio Meridionale.

Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 01
Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 03
Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 02

 

Contattaci

Se vuoi maggiori informazioni, compila questo modulo. Ti ricontatteremo quanto prima possibile.

Avv. Sabrina D'Ascenzo

Tel. +39 063701377
info@avvocatodirittofamigliaroma.it

Dal Lunedi al Venerdi

9:00 - 19:00

Viale Giulio Cesare 62

00192 Roma zona Prati (RM)

Avvocato Sabrina D'Ascenzo - P.Iva: 11684851006 - Viale Giulio Cesare 62 - 00192 Roma zona Prati (RM)
Tel. +39 063701377 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -