Separazione giudiziale a Roma

Mi chiamo Sabrina D'Ascenzo, sono un avvocato del Foro di Roma e mi occupo di tutela legale per la famiglia, in particolare di tutto ciò che riguarda le separazioni. Assisto le persone nelle cause di separazione giudiziale, coniugale, di fatto o breve, con figli o dei coniugi.

Avvocato per separazione giudiziale a Roma, con studio in zona Prati. Sono a disposizione per chiarimenti e assistenza. Offro consulenza e assistenza legale in materia di diritti e doveri dei figli minorenni e maggiorenni.

Avvocato per Separazione giudiziale a Roma zona Prati: consulenza legale con l'avvocato Sabrina D'Ascenzo

Una coppia ricorre alla separazione giudiziale in vari casi: quando entrambi i coniugi vogliono separarsi ma non trovano un accordo sulle richieste economiche o l’affidamento dei figli, quando solo uno dei coniugi vuole separarsi o infine se il marito o la moglie diventa irreperibile.

Il presupposto giuridico per richiederla è l'art. 151 del Codice Civile che parla di convivenza intollerabile tra i coniugi o il verificarsi di fatti che rechino gravi danni alla prole. La prova dell’intollerabilità della convivenza è ritenuta in re ipsa dalla giurisprudenza, ovvero insita nel fatto stesso di richiedere la separazione, pertanto è possibile affermare che per avere la separazione basta volerla.

Nella separazione giudiziale, la decisione finale spetta al giudice che valutati i fatti  emette una sentenza. Se i doveri coniugali sono stati disattesi da uno solo dei coniugi, l'altro potrà richiedere la separazione giudiziale con addebito, presentando nel ricorso prove circostanziate.

La causa per la separazione giudiziale a Roma va avviata nel Tribunale dell’ultima residenza comune dei coniugi. Marito e moglie dovranno richiedere l'assistenza di avvocati che si occuperanno di patrocinare i rispettivi interessi in giudizio. Non avendo raggiunto un accordo nella coppia, la figura professionale dell'avvocato diventa fondamentale. Sarà suo compito infatti consigliare e assistere il cliente per farne valere i diritti in Tribunale, anche al fine di raggiungere una soluzione condivisa (sempre possibile anche nel corso di una separazione giudiziale).

Separazione giudiziale con addebito

Quando si intende richiedere la separazione giudiziale con addebito occorre dimostrare che le azioni del marito o della moglie siano state la vera causa della fine del rapporto di coppia: tradimenti o altri fatti avvenuti quando la coppia era già in crisi non costituiscono di per sé soli una prova rilevante.

Sulla base dei fatti presentati, il giudice deciderà a chi addebitare il fallimento dell'unione coniugale e con quali conseguenze si procederà alla separazione dei coniugi.

Come si può ben capire ottenere una separazione giudiziale con addebito non è così semplice, starà alla bravura e professionalità dell'avvocato dimostrare, davanti al giudice, la responsabilità inequivocabile della controparte al fallimento della coppia.

Oltre agli aspetti morali di un matrimonio fallito e alla successiva separazione matrimoniale, il coniuge ritenuto dal giudice responsabile della separazione, subirà conseguenze di natura economica e patrimoniale.

Il coniuge che subisce l'addebito in tribunale non potrà ricevere un assegno di mantenimento ma solo un assegno alimentare, ove ne ricorrano i presupposti e perderà la possibilità di ereditare in caso di decesso del marito o della moglie prima del divorzio. Il dritto di successione nel matrimonio infatti resta in vigore durante la separazione e cessa solo con la pronuncia di divorzio.

Separazione giudiziale a Roma: il procedimento

Rispetto alla separazione consensuale in cui i coniugi si dividono di comune d'accordo, i tempi per la separazione giudiziale possono essere abbastanza lunghi e il procedimento articolato.

La causa viene avviata dinanzi al Presidente del Tribunale che tenterà una conciliazione e prenderà eventuali provvedimenti urgenti e temporanei se uno dei coniugi si trova in una situazione disagiata o in caso di coinvolgimento dei figli. In una separazione con figli, il giudice dovrà anche prendere in considerazione tutta una serie di condizioni che permettano il mantenimento dei figli.

Se non si raggiunge un accordo, la causa passa al Giudice Istruttore designato dal Presidente. I tempi sono quelli previsti per una normale causa civile, molto dipenderà dal livello di conflitto e dalle questioni su cui il giudice dovrà decidere come le pretese economiche o l'affidamento.

Rivolgersi ad un buon avvocato matrimonialista e qualificato in questi casi è l'unica via percorribile. L’avvocato fornirà assistenza legale durante tutte le fasi del procedimento, portando avanti l'interesse del cliente e consigliandolo su quando e come ottenere un accordo vantaggioso.

 

Eventi e convegni a cui ha partecipato l'avvocato Sabrina D'Ascenzo

Scuola di alta formazione specialistica avvocati in diritto delle persone, delle relazioni familiari e dei minorenni di Cammino in collaborazione con Scuola Superiore dell’Avvocatura - Fondazione del Consiglio Nazionale Forense e i Dipartimenti di Giurisprudenza delle Università di Roma Tre, Cassino - Lazio Meridionale.

Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 03
Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 01
Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 02

 

Dicono di noi

Anitza C



Salve Sabrina,
Lei é buon professionale, e logicamente la consiglierei ad amici italiani ed anche stranieri, la mia practica era complessa ma Lei ha fatto oltre le mie spettative.

La ringrazio
Saluti Anitza C

Mariagrazia C.



Ero in grosse difficoltà.
Non sapevo da dove iniziare e avevo il timore di far soffrire ai miei figli.
L’Avv. D’Ascenzo è stato un faro di luce.
Mi ha seguita in ogni passo avendo rispetto della mia situazione con il mio ex marito e con i miei figli.

La mia paura più grande era che, “mettendo di mezzo un avvocato”, la situazione peggiorasse e diventasse insostenibile.
Invece così non è stato.

Devo ringraziare l’Avv. D’Ascenzo per come mi ha seguita.
Immagino lavori così con tutti i suoi assistiti, ma io mi son sentita al sicuro come se fosse un qualcosa di eccezionale che non avrei mai trovato in una figura come quella dell’avvocato.

Ho già consigliato l’Avv. ad amici che avevano bisogno di un avvocato specializzato in diritto di Famiglia e la consiglierei ancora.

Stefano G



Avevo un problema con la separazione e il mio precedente avvocato mi era sembrato non molto afferrato sul caso.
Meno male che ho cercato su internet e ho trovato l'avvocato D'Ascenzo e sin da subito mi ha fatto capire che era esperta sul diritto di famiglia e infatti sono riuscito ad ottenere quello che mi spettava.

Complimenti avvocato

Giovanni C.



L'importante per me era tutelare i miei figli, fortunatamente grazie all'avvocato D'Ascenzo tutto è andato per il verso giusto.
Quello che ho apprezzato è il lato umano e la capacità di spiegarmi tutto con massima chiarezza e trasparenza. Non potrò mai ringraziarla abbastanza.

Contattaci

Avv. Sabrina D'Ascenzo

Per maggiori informazioni compila questo modulo, ti contatteremo prima possibile

Accertarsi di inserire una email corretta altrimenti sarà per noi impossibile rispondere

Tel. 340 986 4432

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dal Lunedi al Venerdi
9:00 - 19:00

Dal Lunedi al Venerdi
9:00 - 19:00

Viale Giulio Cesare 62
00192 Roma zona Prati (RM)

Avvocato Sabrina D'Ascenzo - P.Iva: 11684851006 - Viale Giulio Cesare 62 - 00192 Roma zona Prati (RM)
Tel. +39 063701377 - Cell. 340 986 4432 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -