Mantenimento del coniuge a Roma

Mi chiamo Sabrina D'Ascenzo, sono un avvocato del Foro di Roma e mi occupo di tutela legale per la famiglia, in particolare di tutto ciò che riguarda il mantenimento. Assisto le persone nelle cause di mantenimento del coniuge, ma anche dei genitori o dei nipoti ma anche nel caso di mantenimento con o senza figli o della moglie. Offro consulenza e assistenza legale in materia di diritti e doveri dei figli minorenni e maggiorenni.

Avvocato per mantenimento del coniuge a Roma, con studio in zona Prati. Sono a disposizione per chiarimenti e assistenza.

Che cos'è l'assegno di mantenimento del coniuge

Tra gli effetti patrimoniali della separazione rientra il diritto per il coniuge privo di mezzi economici adeguati di ricevere dall’altro un assegno di mantenimento. Analogamente, in caso di divorzio e in presenza di determinati presupposti, è possibile richiedere l’assegno post-matrimoniale.

In generale, l'assegno di mantenimento del coniuge viene riconosciuto nel momento in cui un rapporto matrimoniale entra in una situazione di crisi irreparabile e marito e moglie scelgono di procedere con la separazione ovvero abbiano intrapreso una causa di divorzio.

La mancata richiesta o il mancato riconoscimento dell’assegno di mantenimento in sede separazione non preclude il diritto di ottenere l’assegno post-matrimoniale in sede di divorzio, se ne ricorrono i presupposti.

Avvocato per Mantenimento del coniuge a Roma zona Prati: consulenza legale con l'avvocato Sabrina D'Ascenzo

In linea di massima, la cifra da elargire viene stabilita da un Giudice, capace di valutare caso per caso, salvo che sia stato raggiunto un accordo tra le parti.

Semplificando, è il coniuge considerato più debole a poter usufruire dell'assegno, mentre quello nella condizione economica migliore deve assicurare all'altro lo stesso tenore di vita rispetto alla precedenza, se ci troviamo in separazione, ovvero un  assegno divorzile svicolato dal tenore di vita e non connesso all’autosufficienza ma adeguato al contributo fornito alla vita familiare, tenendo conto dei sacrifici delle aspettative professionali ed economiche fatti in funzione del comune interesse familiare.

Sia per l’assegno di mantenimento in sede di separazione che per l’assegno divorzile fondamentale è l’accertamento delle condizioni economiche dei coniugi. A tal fine bisognerà considerare i redditi e le sostanze di cui ciascun coniuge è titolare e la sua capacità lavorativa.

Come funziona il mantenimento del coniuge disoccupato

In alcune circostanze il coniuge di genere maschile potrebbe aver perso il lavoro e di conseguenza, la moglie potrebbe essere costretta ad occuparsi di tutte le spese familiari. Ancor più frequentemente la disoccupazione riguarda la moglie. In tali casi, salvo che la separazione non gli stata addebitata, il marito o la moglie disoccupata potrebbero richiedere ed ottenere, un assegno di mantenimento ovvero un assegno di divorzio.

Naturalmente non sarà sufficiente dimostrare la mera disoccupazione ma occorrerà anche dimostrare l’assenza di mezzi adeguati, peraltro nella diversa accezione che il concetto di adeguatezza assume, a seconda che ci troviamo in sede di separazione o divorzio, e la possibilità per l’altro coniuge di corrispondere l’assegno. In particolare, “l’attitudine al lavoro proficuo dei medesimi, quale potenziale capacità di guadagno, costituisce elemento valutabile ai fini della determinazione della misura dell’assegno di mantenimento da parte del giudice, qualora venga riscontrata in termini di effettiva possibilità di svolgimento di un’attività retribuita, in considerazione di ogni concreto fattore individuale e ambientale e con esclusione di mere valutazioni astratte e ipotetiche” (Cass. civ. n. 5817/2018).

In applicazione di tale principio la Suprema Corte ha rigettato il ricorso contro una sentenza del giudice di merito, che aveva revocato l’assegno di mantenimento al coniuge, in ragione dell’esistenza pacifica di proposte di lavoro immotivatamente non accettate).

Quali criteri vanno adottati per il calcolo dell'assegno di mantenimento per il coniuge

Il calcolo dell'assegno di mantenimento per il coniuge scaturisce da una serie di criteri molto precisi, ciascuno dei quali deve essere tenuto d'occhio senza tralasciarne nessuno. Il primo aspetto da controllare riguarda il reddito totale della famiglia, con la rimozione di eventuali squilibri a vantaggio del coniuge dalla condizione economica meno positiva. Tutto si basa, dunque, su un vero e proprio principio d'equità.

Stiamo comunque parlando di una cifra orientativa, dato che ciascun caso si contraddistingue per una serie pressoché infinita di variabili impossibili da valutare tutte in maniera omogenea.

In ogni caso, è bene affidarsi a un avvocato di famiglia per verificare quale sarà l’ammontare dell’assegno di mantenimento del coniuge.

Ha bisogno di un avvocato affidabile e professionale?

Ha bisogno di un avvocato affidabile e professionale?

L'avvocato Sabrina D'Ascenzo offre consulenza legale senza nessun impegno nell'ambito dei divorzi, delle separazioni, degli affidamenti, dei mantenimenti e nelle adozioni.

Non perdere altro tempo, contattaci subito!

Eventi e convegni a cui ha partecipato l'avvocato Sabrina D'Ascenzo

Scuola di alta formazione specialistica avvocati in diritto delle persone, delle relazioni familiari e dei minorenni di Cammino in collaborazione con Scuola Superiore dell’Avvocatura - Fondazione del Consiglio Nazionale Forense e i Dipartimenti di Giurisprudenza delle Università di Roma Tre, Cassino - Lazio Meridionale.

Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 02
Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 01
Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 03

 

Dicono di noi

Anitza C



Salve Sabrina,
Lei é buon professionale, e logicamente la consiglierei ad amici italiani ed anche stranieri, la mia practica era complessa ma Lei ha fatto oltre le mie spettative.

La ringrazio
Saluti Anitza C

Mariagrazia C.



Ero in grosse difficoltà.
Non sapevo da dove iniziare e avevo il timore di far soffrire ai miei figli.
L’Avv. D’Ascenzo è stato un faro di luce.
Mi ha seguita in ogni passo avendo rispetto della mia situazione con il mio ex marito e con i miei figli.

La mia paura più grande era che, “mettendo di mezzo un avvocato”, la situazione peggiorasse e diventasse insostenibile.
Invece così non è stato.

Devo ringraziare l’Avv. D’Ascenzo per come mi ha seguita.
Immagino lavori così con tutti i suoi assistiti, ma io mi son sentita al sicuro come se fosse un qualcosa di eccezionale che non avrei mai trovato in una figura come quella dell’avvocato.

Ho già consigliato l’Avv. ad amici che avevano bisogno di un avvocato specializzato in diritto di Famiglia e la consiglierei ancora.

Stefano G



Avevo un problema con la separazione e il mio precedente avvocato mi era sembrato non molto afferrato sul caso.
Meno male che ho cercato su internet e ho trovato l'avvocato D'Ascenzo e sin da subito mi ha fatto capire che era esperta sul diritto di famiglia e infatti sono riuscito ad ottenere quello che mi spettava.

Complimenti avvocato

Giovanni C.



L'importante per me era tutelare i miei figli, fortunatamente grazie all'avvocato D'Ascenzo tutto è andato per il verso giusto.
Quello che ho apprezzato è il lato umano e la capacità di spiegarmi tutto con massima chiarezza e trasparenza. Non potrò mai ringraziarla abbastanza.

Contattaci

Se vuoi maggiori informazioni, compila questo modulo. Ti ricontatteremo quanto prima possibile.

Avv. Sabrina D'Ascenzo

Tel. 340 986 4432
info@avvocatodirittofamigliaroma.it

Dal Lunedi al Venerdi

9:00 - 19:00

Viale Giulio Cesare 62

00192 Roma zona Prati (RM)

Avvocato Sabrina D'Ascenzo - P.Iva: 11684851006 - Viale Giulio Cesare 62 - 00192 Roma zona Prati (RM)
Tel. +39 063701377 - Cell. 340 986 4432 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -