Adozione nazionale

Mi chiamo Sabrina D'Ascenzo, sono un avvocato del Foro di Roma e mi occupo di tutela legale per la famiglia, in particolare di tutto ciò che riguarda le adozioni. Assisto le persone nelle cause di adozioni nazionali, internazionali o speciali e di figli maggiorenni. Offro consulenza e assistenza legale in materia di diritti e doveri dei figli minorenni e maggiorenni.

Avvocato per adozione nazionale a Roma, con studio in zona Prati. Sono a disposizione per chiarimenti e assistenza.

Avvocato per Adozione nazionale a Roma zona Prati: consulenza legale con l'avvocato Sabrina D'Ascenzo

L’adozione nazionale (l. n. 184/1983) consente a una coppia di coniugi, italiani o stranieri, residenti in Italia di poter adottare un minore che risiede in Italia dichiarato adottabile dal tribunale per minorenni.

Nel momento in cui la coppia decide di fare domanda per una o più adozioni, deve essere consapevole che la procedura è parecchio lunga e complicata perché tutti i vari professionisti che si occupano della pratica devono valutare attentamente la coppia e le loro condizioni economiche, motivazionali e psicologiche.

Una volta che l'adozione è andata a buon fine, i genitori adottivi possono contattare i parenti biologici solamente per gravi e comprovati motivi e previa autorizzazione del tribunale. Inoltre, una volta che l'adottato raggiunge i 25 anni di età, oppure i 18 anni in determinati casi, può accedere alle informazioni su origine e identità dei genitori biologici, previa domanda al tribunale dei minori.

Tuttavia, se la madre naturale abbia dichiarato di non voler essere contattata, il figlio non può per legge risalire alla sua identità, salva la possibilità per il giudice di interpellare la madre su richiesta del figlio, ai fini di una eventuale revoca di tale dichiarazione.

Per farsi seguire nel migliore dei modi in questa situazione, è bene sempre rivolgersi a un avvocato matrimonialista. In questo modo, la sua conoscenza della materia faciliterà il disbrigo delle varie pratiche.

Quali sono i limiti d'età?

La coppia interessata all’adozione deve essere unita in matrimonio da almeno tre anni oppure, se il matrimonio è recente, rileva la convivenza precedente al matrimonio, che deve superare i tre anni ed essere stata continuativa e stabile.

Dopodiché, uno dei limiti principali, decisamente vincolante, è l'età degli adottanti. Questa deve avere superare di almeno 18 anni e non più di 45 anni l'età del minore adottando. Nonostante ciò, la legge prevede delle eccezioni:

nel caso in cui i genitori adottivi abbiano già un bambino minorenne oppure l’adozione riguardi un fratello o una sorella del minore già dagli stessi adottato; qualora il tribunale accerti che dalla mancata adozione deriverebbe al minore un danno grave non altrimenti evitabile; quando il limite massimo di età sia superato da uno solo degli adottanti in misura non superiore a dieci anni.

Come presentare la domanda

La domanda di adozione nazionale può essere presentata presso uno o più tribunali per minori.  Essa ha una validità di tre anni e può essere riproposta.

È bene sottolineare, che in caso di adozione internazionale la procedura da seguire sarà diversa e più complessa e la domanda potrà essere proposta solamente al tribunale dei minori del luogo di residenza della coppia.                                                                       

All'interno del documento deve essere inserita la propria disponibilità a poter adottare più fratelli contemporaneamente oppure ad adottare un bambino con problemi di salute (in questo caso, potrebbero ricorrere i presupposti anche per l’ adozione speciale o in casi particolari ). Oltre a ciò, occorrerà specificare le informazioni e allegare i documenti relativi alle condizioni economiche, quali i redditi percepiti da entrambi i membri della coppia e gli immobili di proprietà, unitamente alla dichiarazione di assenso dei futuri nonni adottivi.

Verificata l’esistenza dei requisiti di legge, il tribunale incarica i servizi socio-assistenziali al fine di conoscere meglio l'ambiente in cui verrà accolto il minore, la predisposizione dei futuri genitori ad occuparsi di un bambino e  la reale volontà di entrambi di volere un bambino adottato. Infine, vengono anche svolte indagini mediche, psicologiche e accertamenti dagli organi di pubblica sicurezza locale.

Se all’esito della verifica la coppia viene considerata idonea può iniziare ad attendere di essere chiamata per l’abbinamento. Non c'è un tempo di attesa stabilito e se non si viene chiamati nei tre anni successivi è necessario ripetere l'intero percorso ripresentando la domanda.

Il tribunale dei minorenni, non appena viene a conoscenza dell'esistenza di un minore dichiarato adottabile, avvia la procedura per poter abbinare ad esso una coppia di genitori e sceglie tra le coppie che hanno presentato la domanda quella maggiormente in grado di corrispondere alle esigenze del minore.

Prima dell’adozione, vi sarà un periodo della durata di 12 mesi in cui il minore è affidato alla coppia (c.d. affidamento preadottivo).  Al termine di tale periodo il tribunale dei minorenni, verificato l’esito dell’affidamento, deciderà con sentenza se far luogo o non fare luogo all’adozione. Il minore che abbia compiuto gli anni quattordici deve dare il proprio consenso all’adozione nei confronti della coppia prescelta.

Ha bisogno di un avvocato affidabile e professionale?

Ha bisogno di un avvocato affidabile e professionale?

L'avvocato Sabrina D'Ascenzo offre consulenza legale senza nessun impegno nell'ambito dei divorzi, delle separazioni, degli affidamenti, dei mantenimenti e nelle adozioni.

Non perdere altro tempo, contattaci subito!

Contattaci 063701377
 

CONSULENZA

Vuoi chiedere maggiori info?

Potrebbe interessarti anche

Eventi e convegni a cui ha partecipato l'avvocato Sabrina D'Ascenzo

Scuola di alta formazione specialistica avvocati in diritto delle persone, delle relazioni familiari e dei minorenni di Cammino in collaborazione con Scuola Superiore dell’Avvocatura - Fondazione del Consiglio Nazionale Forense e i Dipartimenti di Giurisprudenza delle Università di Roma Tre, Cassino - Lazio Meridionale.

Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 03
Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 02
Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 01

 

Contattaci

Se vuoi maggiori informazioni, compila questo modulo. Ti ricontatteremo quanto prima possibile.

Avv. Sabrina D'Ascenzo

Tel. +39 063701377
info@avvocatodirittofamigliaroma.it

Dal Lunedi al Venerdi

9:00 - 19:00

Viale Giulio Cesare 62

00192 Roma zona Prati (RM)

Avvocato Sabrina D'Ascenzo - P.Iva: 11684851006 - Viale Giulio Cesare 62 - 00192 Roma zona Prati (RM)
Tel. +39 063701377 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -