Divorzio Giudiziale

Mi chiamo Sabrina D'Ascenzo, sono un avvocato del Foro di Roma e mi occupo di tutela legale per la famiglia, in particolare di tutto ciò che riguarda i divorzi. Assisto le persone nelle cause di divorzio giudiziale, congiunto o in sede di negoziazione assistita, con o senza figli. Offro consulenza e assistenza legale in materia di diritti e doveri dei figli minorenni e maggiorenni.

Avvocato per divorzio a Roma, con studio in zona Prati. Sono a disposizione per chiarimenti e assistenza.

Avvocato per Divorzio giudiziale a Roma zona Prati: consulenza legale con l'avvocato Sabrina D'Ascenzo

Quando due coniugi non riescono a trovare un accordo riguardo alle condizioni del loro divorzio ed anche nel caso in cui il marito o la moglie non intendono concedere il divorzio all’altra parte, uno dei due può rivolgersi al Tribunale competente per chiedere che il matrimonio sia sciolto con un "divorzio giudiziale".

In entrambi i casi è bene richiedere l’assistenza di un avvocato divorzista, utile anche in un caso di divorzio congiunto (impropriamente noto anche come divorzio consensuale), che presuppone un accordo delle parti sullo scioglimento del vincolo e sulla completa regolamentazione dei rapporti patrimoniali e tra genitori-figli.

Quando si prende in esame la possibilità di un divorzio si parla di uno strumento che è entrato in vigore con la legge 898/1970, detta anche "legge Fortuna – Baslini", che ha introdotto il divorzio nella legislazione italiana.

Prima di questa legge l’unica possibilità di scioglimento del matrimonio era legata alla morte di uno dei due contraenti, per cui quando si prendeva in esame il vincolo matrimoniale, questo risultava "indissolubile".

Nella stessa legge sono indicati i casi in cui si può ottenere il divorzio, che comprendono sia la precedente separazione legale che altre casistiche, come condanne di uno dei coniugi per una serie di reati indicati all’articolo 3 della legge.

Il procedimento per il divorzio giudiziale

I temi fondamentali che riguardano il divorzio comprendono l’importo per l’assegno di mantenimento che uno dei due coniugi deve versare all’altro, l’assegnazione della eventuale casa di proprietà della famiglia e l’affidamento dei figli minori, se presenti.

Quando non è possibile per i coniugi raggiungere un accordo su questi argomenti si apre una procedura di divorzio giudiziale tramite la presentazione di un ricorso al giudice del luogo di residenza del convenuto.

Se il convenuto sia irreperibile oppure abbia la propria residenza in uno stato estero competente è il tribunale del luogo di residenza del ricorrente.  Infine nel caso in cui anche il "ricorrente" abbia la propria residenza in uno stato estero, la domanda può essere presentata in tutti i tribunali della Repubblica Italiana.

Nella domanda il richiedente espone sia i fatti che gli "elementi di diritto" in base ai quali viene richiesto lo scioglimento del vincolo matrimoniale.

Al ricevimento della domanda il cancelliere del tribunale al quale è indirizzata la comunica all’ufficiale di stato civile del comune nel quale fu contratto il matrimonio per effettuarne l’annotazione sullo stesso atto di matrimonio.

Il ricorso deve anche contenere l’indicazione riguardo all’esistenza di figli.

Oltre alla domanda si devono presentare una serie di documenti, quali una copia autentica della sentenza che ha sancito la separazione dei due coniugi ovvero del verbale omologato della separazione, lo stato di famiglia, il certificato di residenza, un estratto "integrale" dell’atto di matrimonio e la "dichiarazione dei redditi" dei due coniugi effettuata negli ultimi 3 anni.

La legge prevede che si possa ottenere il divorzio giudiziale anche dopo la separazione consensuale, in quanto potrebbero essere nati successivamente dei contrasti su alcuni degli aspetti definiti nella separazione e non rispettati da uno dei coniugi.

Effetti del divorzio giudiziale

Quando il divorzio giudiziale ha concluso il suo iter viene pronunciata la sentenza di scioglimento del matrimonio (o cessazione dei suoi effetti civili se si tratta di matrimonio concordatario).

La sentenza stessa viene poi annotata dall’ufficiale di stato civile nell’atto di matrimonio.

Gli effetti del divorzio sono indicati dalla stessa legge, all’articolo 5. Tra questi c’è la perdita del cognome del marito da parte della donna, ma se la stessa ne fa richiesta il giudice ne può autorizzare il mantenimento quando esista un suo interesse oppure un interesse di un figlio sotto tutela.

Un altro effetto è quello dell’obbligo di mantenimento di un coniuge nei confronti dell’altro, tenuto conto delle situazioni reddituali e la mancanza di mezzi adeguati. Nel caso di divorzio senza figli, spesso le procedure sono più veloce e richiedono meno udienze.

Quando il coniuge che riceve l’assegno contrae nuove nozze o conviva di fatto l’obbligo di provvedere al mantenimento in suo favore decade.

In presenza di determinati presupposti al coniuge divorziato competono, inoltre, i seguenti ulteriori diritti: tutela previdenziale (pensione di reversiilità e altri assegni di natura previdenziale); assegno successorio a carico dell’eredità del coniuge defunto; diritto di abitazione della casa familiare.

Ha bisogno di un avvocato affidabile e professionale?

Ha bisogno di un avvocato affidabile e professionale?

L'avvocato Sabrina D'Ascenzo offre consulenza legale senza nessun impegno nell'ambito dei divorzi, delle separazioni, degli affidamenti, dei mantenimenti e nelle adozioni.

Non perdere altro tempo, contattaci subito!

Contattaci 063701377
 

CONSULENZA

Vuoi chiedere maggiori info?

Potrebbe interessarti anche

Eventi e convegni a cui ha partecipato l'avvocato Sabrina D'Ascenzo

Scuola di alta formazione specialistica avvocati in diritto delle persone, delle relazioni familiari e dei minorenni di Cammino in collaborazione con Scuola Superiore dell’Avvocatura - Fondazione del Consiglio Nazionale Forense e i Dipartimenti di Giurisprudenza delle Università di Roma Tre, Cassino - Lazio Meridionale.

Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 01
Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 03
Scuola Alta Formazione Specialistica Avvocati Diritto Persone 02

 

Contattaci

Se vuoi maggiori informazioni, compila questo modulo. Ti ricontatteremo quanto prima possibile.

Avv. Sabrina D'Ascenzo

Tel. +39 063701377
info@avvocatodirittofamigliaroma.it

Dal Lunedi al Venerdi

9:00 - 19:00

Viale Giulio Cesare 62

00192 Roma zona Prati (RM)

Avvocato Sabrina D'Ascenzo - P.Iva: 11684851006 - Viale Giulio Cesare 62 - 00192 Roma zona Prati (RM)
Tel. +39 063701377 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -