Si può divorziare senza separazione?

L’art. 3 della legge sul divorzio, n. 298 del 1970 consente di divorziare decorsi 6 mesi dalla separazione personale dei coniugi, se consensuale, oppure 12 mesi, se giudiziale.

Tale norma prevede, anche, la possibilità che uno dei coniugi chieda il divorzio senza aver prima ottenuto la separazione, in alcune ipotesi tassative quali la condanna penale in capo all’altro coniuge per taluni delitti, la mancata consumazione del matrimonio, il passaggio in giudicato della sentenza di rettificazione di sesso, l’annullamento o scioglimento del matrimonio ottenuto all’estero dall’altro coniuge straniero o un nuovo matrimonio contratto all’estero dal coniuge straniero.

Non solo.

Il giudice italiano, infatti, può anche pronunciare il divorzio senza la preventiva separazione facendo applicazione della legge straniera indicata di comune accordo dai coniugi.

 Vediamo quando ciò è possibile.

Il Regolamento UE 1259/2010 (cd Roma III) all’art 5 prevede che i coniugi possono di concordare la legge applicabile al divorzio e alla separazione personale, purché si tratti di una delle seguenti leggi:

  • la legge dello Stato della residenza abituale dei coniugi al momento della conclusione dell’accordo; o 
  • la legge dello Stato dell’ultima residenza abituale dei coniugi se uno di essi vi risiede ancora al momento della conclusione dell’accordo; o 
  • la legge dello Stato di cui uno dei coniugi ha la cittadinanza al momento della conclusione dell’accordo; o 
  • la legge del foro.

Come, poi, precisato all’art. 4, le norme sul conflitto tra leggi contenute nel regolamento sono universali, quindi la legge designata dal regolamento Roma III si applica anche nell’ipotesi in cui non sia quella di uno Stato membro dell’Unione Europea partecipante.

Dunque, i coniugi possono scegliere, alle condizioni sopra indicate, anche la legge di uno Stato non appartenente all’Unione Europea.

Presupposto, però, è che il rapporto matrimoniale abbia carattere di “internazionalità” in quanto il regolamento Roma III trova applicazione in quelle circostanze in cui sussista un conflitto di leggi e, in particolare, in quelle procedure di divorzio o separazione personale riguardanti coniugi con cittadinanze diverse o che vivono in un paese diverso da quello di cui hanno la cittadinanza o entrambe le condizioni contemporaneamente.

In sostanza, una coppia marocchina o cinese o una copia di coniugi di cui uno soltanto cinese o marocchino può di comune accordo decidere di applicare la legge marocchina o cinese (che non prevedono la separazione): in tal caso il Giudice italiano dovrà pronunciare il divorzio senza necessità della preliminare pronuncia di separazione, giudiziale o consensuale.

E se manca l’accordo? Soccorre l’art. 8 del regolamento 1259/2010 che indica come applicabile

  • la legge di residenza abituale dei coniugi nel momento in cui è adita l’autorità giudiziaria, o, in mancanza
  • la legge dello stato di ultima residenza abituale dei coniugi, se non è trascorso più di un anno dalla cessazione della convivenza al momento dell’azione giudiziale e purché uno di essi vi risieda ancora al momento della proposizione della domanda, o in mancanza
  • la legge dello stato di cui i coniugi sono cittadini quando è avviato il procedimento;
  • in mancanza, la legge dello stato in cui è adita l’autorità giudiziaria.

Anche in tal caso, se la legge applicabile in virtù di tale norma non richiede la separazione il Giudice italiano potrà pronunciare il divorzio della coppia “internazionale” in assenza di previa separazione personale dei coniugi.

Contattaci

Avv. Sabrina D'Ascenzo

Per maggiori informazioni compila questo modulo, ti contatteremo prima possibile

Accertarsi di inserire una email corretta altrimenti sarà per noi impossibile rispondere

Tel. 340 986 4432

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dal Lunedi al Venerdi
9:00 - 19:00

Dal Lunedi al Venerdi
9:00 - 19:00

Viale Giulio Cesare 62
00192 Roma zona Prati (RM)

Avvocato Sabrina D'Ascenzo - P.Iva: 11684851006 - Viale Giulio Cesare 62 - 00192 Roma zona Prati (RM)
Tel. +39 063701377 - Cell. 340 986 4432 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -