Diritti dei nonni: quando i genitori possono impedire di vedere i nipoti

Rapporto tra nonni e nipoti: cosa dicono in proposito le normative?

Il legame tra nonni e nipoti, oltre che ad essere universalmente riconosciuto tra i più sinceri e profondi, è considerato di grande importanza dalla legge, in particolare dalle normative europee, che riconoscono il diritto ai minori a mantenere il rapporto con i nonni a prescindere dall'eventualità di separazione tra i genitori.

Ciò trova fondamento nella rilevanza del rapporto nonno-nipote, ritenuto altamente significativo per quanto concerne l’educazione, la crescita e il sostegno del minore. Si tratta, ora, di un diritto reciproco. In passato, infatti, non erano i nonni ad avere un diritto di visita verso i nipoti, da far valere innanzi al tribunale ma solo i nipoti a vantare il diritto di mantenere un rapporto significativo verso gli ascendenti. La legge n. 219/2012 ha, invece, introdotto l’art. 317 c.c., che riconosce ai nonni il diritto di mantenere significativi con i nipoti minorenni e la possibilità di ricorrere al Tribunale per i

Minorenni del luogo di residenza abituale del minore, qualora tale l’esercizio di tale diritto venga loro impedito.

Quando i nonni perdono il diritto di visita

Vi sono delle circostanze in cui i nonni perdono il diritto di vedere i nipoti. Ad esempio, ciò si verifica in caso di comprovati abusi verso i nipoti oppure qualora vi sia una forte conflittualità tra i nonni e i genitori del minore, fattore che potrebbe portare a una situazione psicologicamente lesiva per il nipote.

La decisione, in ogni caso, spetta al giudice, che potrà comunque consentire ai nonni di vedere i nipoti attraverso incontri protetti o in presenza dei genitori, tutelando sia il nipote sia il nonno. Il giudice può riconoscere al nonno e al nipote il diritto a un risarcimento per danni morali a carico dei genitori del minore, nel caso in cui venga riscontrato l'effettivo impedimento dei genitori alla frequentazione tra nonno e nipote.

Quando ai nonni spetta il mantenimento dei propri nipoti

Il mantenimento dei nipoti da parte dei nonni, previsto dall’art. 316 bis c.c.,  ha luogo nel caso in cui i genitori non dispongano dei mezzi sufficienti per adempiere ai propri doveri nei confronti della prole. Il mantenimento a carico dei nonni è previsto anche qualora uno o entrambi i genitori rifiutino volontariamente di provvedere al sostentamento dei figli.

Per quanto riguarda l’ipotesi di un solo genitore che rifiuti di farsi carico dei propri obblighi, il mantenimento da parte dei nonni è dovuto esclusivamente nella circostanza in cui l’inadempiente non sia assoggettabile ad esecuzione con esiti prevedibilmente fruttuosi l’altro genitore non riesca a provvedere al mantenimento della prole con i propri mezzi.

Contattaci

Se vuoi maggiori informazioni, compila questo modulo. Ti ricontatteremo quanto prima possibile.

Avv. Sabrina D'Ascenzo

Tel. +39 063701377
info@avvocatodirittofamigliaroma.it

Dal Lunedi al Venerdi

9:00 - 19:00

Viale Giulio Cesare 62

00192 Roma zona Prati (RM)

Avvocato Sabrina D'Ascenzo - P.Iva: 11684851006 - Viale Giulio Cesare 62 - 00192 Roma zona Prati (RM)
Tel. +39 063701377 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -