Come funzionano le adozioni di ragazzi maggiorenni

L’adozione del maggiorenne è disciplinata dagli articoli 291 e seguenti del codice civile.

Nasce con la finalità di trasmettere il patrimonio e il cognome di persone prive di discendenti mentre attualmente ha assunto principalmente una funzione di solidarietà, analoga a quella dell’adozione del minorenne.

I presupposti sono:

  • l’aver compiuto i 35 anni per l’adottante (salvo autorizzazione del Tribunale in casi eccezionali per chi abbia compiuto i 30 anni)
  • l’esistenza di una differenza di età tra adottante e adottando di 18 anni.
  • l’assenza di discendenti per l’adottante.

Tuttavia, a seguito di pronunce della Corte Costituzionale è ammissibile l’adozione del maggiorenne anche da parte di persone che abbiano figli, nati all’interno o al di fuori del matrimonio, purché maggiorenni e consenzienti.

Non è, dunque, possibile l’adozione del maggiorenne da parte di chi abbia figli minori, ad eccezione di casi particolari individuati dalla giurisprudenza.

  • il consenso dell’adottante e dell’adottando
  • l’assenso dei genitori dell’adottando, del coniuge dell’adottante e del coniuge dell’adottando.

Mentre l’assenza di consenso dell’adottante e dell’adottando è preclusivo dell’adozione, la mancanza di assenso delle persone sopra indicate può essere superata con l’intervento sostitutivo del Tribunale, che, a determinate condizioni, può ugualmente concedere l’adozione.

Quanto agli effetti dell’adozione del maggiorenne:

l’adottato assume il cognome dell’adottante anteponendolo al proprio;

l’adottato acquista rapporti giuridici nei confronti dell’adottante ma non verso i parenti dell’adottante e mantiene i diritti e doveri verso la famiglia d’origine;

l’adottato acquista diritti di successione verso l’adottante ma non anche verso i parenti dell’adottante;

l’adottante non acquista diritti successori verso l’adottato.

La domanda va proposta al Tribunale Ordinario, che emetterà pronuncia di accoglimento ove ricorrano le condizioni di legge e l’adozione risulti conveniente per l’adottato.

L’adozione del maggiorenne è revocabile per indegnità dell’adottato e per indegnità dell’adottante, sussistenti in presenza dei fatti espressamente indicati dal legislatore negli artt. 306 e 307 del codice civile.

Contattaci

Se vuoi maggiori informazioni, compila questo modulo. Ti ricontatteremo quanto prima possibile.

Avv. Sabrina D'Ascenzo

Tel. +39 063701377
info@avvocatodirittofamigliaroma.it

Dal Lunedi al Venerdi

9:00 - 19:00

Viale Giulio Cesare 62

00192 Roma zona Prati (RM)

Avvocato Sabrina D'Ascenzo - P.Iva: 11684851006 - Viale Giulio Cesare 62 - 00192 Roma zona Prati (RM)
Tel. +39 063701377 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -